Annunci Agrario Brignoli

Viaggio in Alsazia e visita al Parlamento Europeo

pubblicato 18 apr 2017, 00:25 da Laura Cettolo

Visto l'anniversario appena celebrato dei 60 anni del Trattato di Roma, quale occasione migliore per  gli studenti della classi quinte dell'Istituto Agrario “G.Brignoli” di Gradisca d'Isonzo per visitare Strasburgo, meravigliosa città sede del Parlamento Europeo?

Un viaggio d'istruzione di sei giorni che ha portato gli studenti maturandi a visitare diverse località dell'Alsazia, terra di confine ora in territorio francese, che per alcuni aspetti ha avuto un passato simile al nostro. Una piccola regione che per svariati decenni è stata contesa tra Francia e Germania e che proprio per questo porta ancora oggi ben visibili i segni dei conflitti passati. Seguendo questo filo storico, gli studenti hanno avuto l'opportunità di visitare l'impressionante struttura difensiva della Linea Maginot. Inoltre, non sono mancate visite ad altre località della zona quali Colmar, Friburgo, in territorio tedesco  alle porte della Selva Nera, e Riquewihr, piccolo villaggio medievale rinomato per la produzione vinicola.


Marco Bianco, classe 5GA

Giornata Mondiale dell'Acqua

pubblicato 03 apr 2017, 01:36 da Laura Cettolo

In occasione della Giornata Mondiale dell'acqua, il 22 marzo in tutta Italia si sono svolti eventi per far comprendere alle persone l'importanza dell'acqua e come fare per ridurne gli sprechi.

Uno di questi eventi si è svolto nel centro visite “Gradina” a Doberdò del Lago in provincia di Gorizia, organizzato dall’ARPA FVG in collaborazione con l’OGS, il comune di Doberdò e con la collaborazione del nostro istituto.

La mattina gli alunni dell'Istituto Tecnico Agrario “G. Brignoli” di Gradisca hanno esposto ad alcune classi delle scuole di Doberdò e della scuola media slovena di Kamnik, tramite cartelloni illustrativi ed eseguendo semplici esperienze scientifiche, le analisi chimico-fisiche e biologiche che hanno condotto sul lago di Doberdò.

Le analisi chimico-fisiche hanno riguardato la misurazione della quantità di nitrati, fosfati, ioni HCO3¯, acidità, conducibilità, temperatura e ossigeno disciolto.Le analisi biologiche comprendono la raccolta e classificazione dei macrobenthos, cioè macroinvertebrati che abitano sul fondo del lago e dei vegetali lacustri.


Il lago di Doberdò, insieme a quello di Pietrarossa, sono gli unici laghi carsici in Italia e sono laghi alimentati da deflussi sotterranei dei fiumi Isonzo e Timavo.Il lago di Doberdò è un ecosistema a rischio perché lo si può trovare o in piena o in magra, a causa di cambiamenti climatici, alterazione dei ritmi biologici, invasione di piante alloctone e assenza di gestione del canneto. Questi fattori stanno portando il lago ad una condizione di impaludamento.

La giornata è proseguita al pomeriggio conferenze sul tema dell'acqua ed in particolare sul lago di Doberdò tenute da esperti dell’OGS e ricercatori dell’Università di Trieste e da alcuni allievi delle classi terze del nostro istituto.

Manuel Adragna, classe 2C













In stage linguistico a Norwich!

pubblicato 01 mar 2017, 04:17 da Laura Cettolo   [ aggiornato in data 01 mar 2017, 04:21 ]

Per migliorare la formazione linguistica nella lingua inglese anche quest'anno il nostro istituto ha offerto agli allievi delle classi terze la possibilità di partecipare a una settimana di stage linguistico in Inghilterra. Sono 30 gli allievi delle classi 3GA, 3PT e 3VE che hanno aderito e, accompagnati dalle prof.sse Eva Cosolo e Laura Cettolo, hanno trascorso la settimana dal 12 al 19 febbraio nella cittadina di Norwich, alloggiati in famiglie a gruppi di due o tre. Una "full immersion" nella lingua inglese con lezioni al mattino insieme a ragazzi di tutto il mondo e visite guidate in inglese al pomeriggio per scoprire le interessanti attrattive della città, quali il castello, la cattedrale gotica, il Sainsbury Centre for Visual Arts. La settimana si è conclusa con una gita a Cambridge, dove gli allievi hanno visitato alcuni college e provato il "punting" sul fiume Cam.
Per tutti un' esperienza  formativa e di crescita personale che ha consentito di migliorare le competenze nella lingua inglese e anche di aprirsi con curiosità verso altre culture.






Le classi quinte al Corso di Primo Soccorso

pubblicato 22 feb 2017, 08:13 da Laura Cettolo   [ aggiornato in data 22 feb 2017, 23:36 ]

Si è concluso questa settimana all'Istituto Agrario "G. Brignoli" il Corso di Primo Soccorso realizzato in collaborazione con la Croce Verde Goriziana.
Come consuetudine da circa sei anni l'iniziativa ha visto impegnati gli allievi delle classi quinte per circa un mese e mezzo, tempo dedicato all'approfondimento di varie tematiche quali la chiamata al 118, i traumi, le urgenze e le emergenze, il paziente pediatrico, la rianimazione cardio-polmonare, insieme ad una apprezzatissima parte pratica. Al termine i ragazzi hanno dovuto affrontare un test valutativo sia teorico che pratico, che hanno superato brillantemente.
Il team degli istruttori di Croce Verde Goriziana, costituito dalla referente Dott.ssa Gaia Sansone, coadiuvata dal Dott. Michel Casavecchia e dalla Dott.ssa Maida Visintin con la partecipazione dei tecnici Boris Cotic, Gabrijel Lango, Margherita Hechich e Alessio Mele, si è speso con grande professionalità e competenza nella conduzione dell'intero corso, fornendo agli studenti in modo chiaro e preciso importanti nozioni che ogni cittadino dovrebbe conoscere.
Nel ribadire ancora una volta l'importanza di tale iniziativa, ci auguriamo che questa preziosa collaborazione possa continuare nel tempo.



 

Corso di aggiornamento per Periti Estimatori danni da avversità atmosferiche

pubblicato 08 feb 2017, 12:43 da Luciano Zancani   [ aggiornato in data 08 feb 2017, 12:51 ]

Anche per il 2017 si svolgerà presso il nostro istituto il Corso di Aggiornamento per Perito estimatore danni alle avversità atmosferiche che da anni viene organizzato da una rete di istituti agrari sul territorio nazionale avente per capofila l'I.S.I.S.S. 
"G. B. Cerletti" di Conegliano (TV).

In particolare, sulla scorta di quanto già attuato nel 2016, nei mesi di febbraio, marzo e aprile 2017, vengono organizzati congiuntamente Corsi di Formazione per l'avviamento alla professione di Perito estimatore e Corsi di Aggiornamento destinati a Periti Estimatori già operanti nel settore.

Presso la nostra sede, il 28 e 29 marzo si svolgerà il Corso di Aggiornamento relativo al prodotto Uva da vino.
Il corso, della durata complessiva di 16 ore, gode del patrocinio e della collaborazione degli Ordini e Collegi nazionali, dei Consorzi di Difesa e si avvale per la docenza, di Docenti universitari, Docenti degli istituti agrari, Periti grandine, Dirigenti e/o Funzionari delle Compagnie di Assicurazione e dei Consorzi di Difesa, oltre ad esperti esterni.

Per ulteriori informazioni, fare clic sul collegamento sottostante:


Il depliant illustrativo è disponibile e scaricabile attraverso il link a fondo pagina.

Per iscriversi al corso, compilare il form che appare premendo qui.

Per maggiori informazioni è possibile contattare il Responsabile Tecnico e Logistico del Corso per la sede di Gradisca d'Isonzo, prof. Luciano Zancani, e-mail: luciano.zancani@goiss.it.

Non c'è pace senza libertà dall'odio

pubblicato 02 feb 2017, 06:18 da Laura Cettolo

Anche quest’anno l’Istituto Tecnico Agrario Brignoli ha partecipato alle manifestazioni promosse dall’ Amministrazione Comunale di Gradisca d’Isonzo per la Giornata della Memoria: il 27 gennaio i rappresentanti di classe hanno presenziato alla cerimonia commemorativa per le vittime della Shoah presso il cimitero ebraico di Gradisca d’Isonzo, alla presenza delle autorità cittadine, di diverse Associazioni e di rappresentanti della Comunità ebraica di Trieste, che hanno portato la loro testimonianza e riflessione sul significato della memoria; il 28 gennaio gli studenti delle classi 4PT e 5GA hanno invece potuto ascoltare presso la Sala Bergamas la conferenza della psicanalista Nadia Neri sulla figura dell’intellettuale ebraica Etty Hillesum, autrice di un diario delle persecuzioni naziste in Olanda e vittima nel lager di Auschwitz. Le attività sono state seguite dai proff. Rodolfo De Gasperi e Barbara Macor.



Ultimo incontro di scuola aperta venerdì 20 gennaio

pubblicato 13 gen 2017, 01:00 da Laura Cettolo

Si avvisano gli studenti delle scuole medie e le loro famiglie che, visto il termine ultimo per le iscrizioni fissato al 6 febbraio, l'ULTIMO INCONTRO di SCUOLA APERTA si terrà come da calendario venerdì 20 gennaio, ore 17-19 a Gradisca, mentre è ANNULLATO l'incontro di giovedì 9 febbraio.

Un po’ studenti, un po’ ricercatori per conoscere il lago di Doberdò

pubblicato 28 nov 2016, 08:33 da Laura Cettolo

Alla “Settimana regionale di educazione allo sviluppo sostenibile” (21-27 novembre 2016) il nostro istituto ha aderito con un incontro-dibattito svoltosi in “Sala Bergamas” giovedì 24 novembre a cui hanno preso parte gli studenti delle terze medie dell'Istituto Comprensivo di Gradisca d’Isonzo, le classi seconde e la classe terza ad indirizzo gestione ambientale dell’Istituto Tecnico Agrario “G. Brignoli” e che ha visto il contributo di due ospiti d’eccezione: il Prof. Alfredo Altobelli,  docente di Ecologia Ambientale presso il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Trieste, e il Dott. Fabio Vizintin, sindaco di Doberdò del Lago.


 Il tema centrale della conferenza sono stati  i risultati del Progetto “Osservatorio Regionale del Paesaggio”, a cui l’Istituto Agrario ha preso parte, sotto la guida della Prof.ssa Elisabetta Sdrigotti, scegliendo come oggetto di studio l’area del Lago di Doberdò e prefiggendosi l’obbiettivo di redigere un rapporto sul suo stato di conservazione, evoluzione o eventuale degrado. Gli argomenti sono stati esposti dagli allievi delle classi terze Marco Danei, Matteo Davia, Alessandro Isgrò, Sofia Margarit, Aurelia Plossi, affiancati dagli interventi del Prof. Altobelli e del Sindaco Vizintin.

Ogni allievo sul palco ha trattato un diverso tema delle attività progettuali svolte durante l’anno, esplicandone i risultati e cosa “…si può e cosa possiamo fare…”, presentando metodi scientifici e strategie di gestione ambientale, anche alla portata di tutti per controllare e risolvere alcune criticità sullo stato di salute del Lago.Al termine degli interventi è stato lasciato largo spazio per un dialogo tra relatori e pubblico con l’intento di rispondere alle domande e curiosità formulate dagli studenti in ascolto, ottenendo ottimi risultati eun’  attiva partecipazione.

 Il messaggio trasmesso al termine dell’incontro dagli studenti relatori del Progetto è chiaro: “…Il Lago di Doberdò, come ogni ecosistema fragile e a rischio, ha bisogno di aiuto: aiuto che presuppone impegno e interesse da parte di tutti, e non è sempre indispensabile aspettare il varo di progetti spesso lenti a partire e complessi, ma è necessario che fin da subito tutti noi nel nostro piccolo ci mettiamo in gioco per difendere e preservare il nostro ambiente, perché “se una goccia di pioggia non è importante, un nubifragio può creare enormi cambiamenti…”.

Marco Danei, 3 Gestione Ambiente e Territorio



Il Vajont, una tragedia non per incuria ma per colpa

pubblicato 02 nov 2016, 02:46 da Laura Cettolo

Il giorno 24 ottobre 2016 gli alunni delle classi 3°, 4° e 5° della sezione Gestione Ambiente e Territorio, accompagnati dalle professoresse Piccini, Macor, Vecchi e Zuttion, si sono recati in visita d’istruzione presso la diga del Vajont, per  approfondire la conoscenza dei tragici fatti che portarono alla catastrofe del 1963.

 Sono passati 53 anni da quel lontano (ma mai abbastanza) 9 ottobre 1963, quando, alle ore 22.39, una parte del monte Toc è precipitata all’ interno del lago artificiale che riempiva la valle sottostante, creando un’onda in grado di scavalcare la diga e provocare una catastrofe preannunciata, portando con sé 1910 vite innocenti.

Fa sempre un certo effetto visitare luoghi di tale importanza, testimoni di tanta superficialità, incuranza e mancato buon senso. Luoghi che, nel loro silenzio, riescono a trasmettere emozioni così potenti come tristezza, angoscia e inquietudine, ma anche determinazione, forza e coraggio, ciò che ha permesso ai sopravvissuti di poter ricominciare e ricostruire dove tutto era stato distrutto.

                      

         
      

Durante la visita ci siamo immedesimati in loro. Ci abbiamo provato, per sentirci un po’ più vicini.Abbiamo camminato in mezzo a quei boschi, tra i sentieri, toccando rocce che soltanto mezzo secolo fa facevano parte di un’imponente montagna e che ora, invece, riempiono una profonda vallata.

In tutto il nostro percorso siamo stati seguiti e accompagnati da una guida naturalistica del luogo che ci ha forniti di dati storici ma anche tecnici, geologici ed ingegneristici utili a farci meglio capire le circostanze degli eventi.

Siamo stati trascinati emotivamente a quegli anni, alla costruzione della diga, alle vicende che presagivano la tragedia, all’ insabbiamento di queste ed infine, al fatidico giorno, a quei pochi secondi in cui molti hanno perso la vita “non per incuria, ma per colpa”.

Alessia Bass, classe 4GA


                     
     

Scuola aperta … al mondo che ci circonda

pubblicato 19 ott 2016, 23:34 da Laura Cettolo

Il progressivo deterioramento della qualità dell'ambiente in cui viviamo e i crescenti flussi migratori causati da fattori economici o bellici sono due dei problemi più rilevanti che investono le nostre società. Le istituzioni scolastiche, sulle quali grava la responsabilità della formazione culturale ed umana dei nostri giovani, non possono certamente trascurare di prendere posizione di fronte a simili gravi questioni. 
Per tutti coloro che hanno compiti educativi non è tempo di chiudere occhi ed orecchi, e di sbarrare le porte di scuole e classi fingendo che “fuori” tutto vada bene, al contrario devono guidare i giovani a conoscere ed agire, affinché possano fin da ora rispondere in modo intelligente e costruttivo alle sfide nelle quali, in un prossimo futuro, il mondo presente non mancherà di coinvolgerli. 

Muovendosi in questa direzione, l'Istituto tecnico Brignoli Einaudi Marconi sez. agraria di Gradisca d'Isonzo ha dato la sua convinta adesione ad un'iniziativa di Lega Ambiente  che, piccolissima per scala, ma grande per significato simbolico, ha avuto luogo sabato 8 ottobre 2016 grazie alla collaborazione ed interessamento del Comune di Gradisca. 


Gli studenti delle tre classi seconde si sono recate sul greto del fiume Isonzo dove hanno incontrato un gruppo di giovani immigrati, in rappresentanza dei numerosi ospiti del locale CARA. L'obiettivo era familiarizzare e passare alcune ore insieme ripulendo il greto sassoso del fiume dai numerosi rifiuti e scarti di ogni genere che l'imbrattano: compiti semplici, ma ricchi di valori umani. 

I resoconti degli studenti non lasciano adito a dubbi: è stato un successo. Con l'impegno di tutti sono stati riempiti numerosi sacchi e, in un inglese più o meno stentato, c'è stato qualche scambio di battute con i giovani stranieri, ai quali, a ricordo della giornata, sono anche state donate alcune cassette di mele, coltivate nel frutteto della scuola. Tutto molto semplice e naturale, ma la qualità di una scuola si giudica anche da piccoli episodi come questo.





1-10 of 74